Ironweed di William Kennedy

download

Ho comprato questo libro al Libraccio perché avevo molto sentito parlare del film che ne è stato tratto nel 1987, protagonisti Jack Nicholson e Meryl Streep, che per la loro interpretazione ebbero una nomination all’Oscar.

A parte una storia incredibile, legata alla dedica che ho trovato sulla prima pagina, il libro mi è piaciuto molto.

È molto triste, ma anche molto scanzonato. I protagonisti sono derelitti ai margini della società, che però mantengono una sorta di grazia ed etica nelle relazioni interpersonali: dividono il poco che hanno, si prendono cura l’uno dell’altro, non giudicano perché sanno che ciascuno di loro sbaglia e spesso è solo questione di situazione in cui sei o avresti potuto essere a fare la differenza.

Quattro palle su cinque.

Lo potete acquistare qui.

 

Annunci

Lincoln nel bardo di George Saunders

9788807032547_quarta

Non potete capire la sorpresa quando ho scoperto che il Lincoln del titolo è proprio Lincoln, quello vero, insomma, Abramo.

Cioè, in realtà è suo figlio ad essere nel Bardo. Che poi uno pensa che il bardo sia il cantore celtico con la cetra, tipo Assuracentourix di Asterix (e resta un po’ lì a chiedersi che ci faccia uno nel bardo) e invece no: qui Bardo è il termine tibetano che rappresenta lo “stato intermedio” buddhista tra la morte e la reincarnazione, quando l’anima non è collegata a un corpo.

Questo è un libro bizzarro assai, con momenti di una bellezza assoluta e altri di una noia letale. Vi si seguono le vicende di alcuni spiriti che vagano in un ordinario cimitero statunitense, defunti senza volerlo ammettere, incastrati tra vita e morte da desideri e bisogni che non possono più riguardarli, ma da cui non riescono a distaccarsi e – in questa spirale di follia, frustrazione e rifiuto della realtà – assistono stupiti, sempre più inconsapevoli e arrabbiati all’abbrutimento delle proprie anime e al disgregamento dei propri corpi, ripetendo ossessivamente racconti e azioni, disturbati di tanto in tanto dalle visite dei vivi o dall’arrivo di nuovi “malati” come loro.

Quando però ad arrivare saranno un ragazzino deposto in una cripta che aspetta suo padre e le visite notturne di un uomo alto e scuro che si vocifera essere il presidente, tutto l’assembramento di anime non potrà restare inerte.

Una lettura la merita, anche se a me non ha fatto impazzire: forse sconta il fatto che nelle intenzioni dell’autore originariamente nasce come racconto e diventa romanzo in un secondo momento.

Tre palle e mezzo su quattro.

Lo potete acquistare qui.

Attentato alla corte d’Inghilterra di Tom Clancy

51vxrtKes3L._SX324_BO1,204,203,200_

In La grande fuga dell’Ottobre Rosso Jack Ryan racconta di essere entrato nella CIA dopo aver salvato qualche anno prima il principe ereditario britannico da un attentato terroristico, in modo del tutto casuale e robambolesco. Tom Clancy ha successivamente scelto di raccontarne igli eventi in Attentato alla Corte d’Inghilterra.

Detto questo la trama è abbastanza meh, tutto sommato in linea con questo tipo di letteratura di intrattenimento, ma niente di imperdibile.

Tre palle su cinque.

Lo potete acquistare qui.

Il fucile da caccia di Yasushi Inoue

Letto su suggerimento di un

amico che l’ha molto amato. Tre donne molto importanti nella vita di un uomo (la nipote, l’amante, la moglie) gli scrivono tre lettere, in cui gli raccontano la sua stessa storia vista dal loro punto di vista.

Molto breve, molto intenso. A me è piaciuto molto.

 

Quattro palle e mezzo su cinque.

Lo potete acquistare qui.

Intelligenza emotiva. Che cos’è e perché può renderci felici di Daniel Goleman

a69410e7-4ed5-42c1-a298-5ba1de2b838b

Saggio del famoso psicologo e saggista americano Goleman.

Cosa mi è piaciuto: che fa una panoramica ampia sulle forme di intelligenza diciamo “non convenzionali”, quindi non quella che ti permette di fare calcoli matematici o di imparare le cose a memoria, ma le forme di intelligenza relazionale, sociale, emotiva (da cui il titolo).

È interessante perché la nostra società tradizionalmente trascura le forme di competenza di questo tipo relegandole ad un ruolo accessorio o subordinato, mentre proprio in una società moderna, sempre più interconnessa, la capacità di cogliere le dinamiche sociali, di interpretarle e se vogliamo anche di gestirle a proprio vantaggio è sempre più importante.

Cosa non mi è piaciuto: al solito, non mi piace la struttura anglosassone di queso tipo di saggio, a cui piace iniziare un nuovo capitolo o argomento con l’aneddoto/parabola, tipo “Nick si svegliò una mattina e si accorse che sua moglie Nancy non gli rivolgeva la parola…”. Non gliela faccio manco a spigne.

Per questo comunque non oltre le tre palle su cinque, sebbene la ritenga una lettura estremamente utile e che consiglio.

Lo potete acquistare qui.

Non lasciarmi di Kazuo Ishiguro

9788806231774_0_0_1545_75Ammazza cheppalle.

Mi spiego meglio: a parte la storia, una distopia che ho trovato fin troppo simile alla trama del film The Island, è proprio la tecnica narrativa che mi ha proprio frantumato le palle. Per tecnica narrativa intendo quella cosa che inizia a fare l’autore fin da subito di anticipare un mezzo accenno di una cosa e poi dire ah no aspetta questa te la dico dopo.

Più che il romanzo compiuto di un bravo scrittore mi pareva di star dietro alle confidenze della mia estetista.

Forse sono un po’ severa, perché so che a molti è piaciuto, ma anche no, dai. Due palle su cinque.

Lo potete comunque acquistare qui.

Non ho problemi di comunicazione di Walter Fontana

41WggeM-NGL._BO1,204,203,200_In un momento di depre una persona molto cara mi presta questo dicendomi oh leggi questo è bellissimo e poi ci si ammazza dalle risate!

Ora, il problema di fondo è che il protagonista è uno sfigatissimo a cui ne capitano di ogni: avete presente, tipo Fantozzi o Paperino? Ecco. Solo che io Fantozzi o Paperino non riesco a guardarli perché mi dispiace moltissimo che stiano male, che gli pestino un piede o siano bullizzati da colleghi, vicini di casa e parenti. Non gliela faccio proprio: soffro fisicamente, da sempre.

Quindi ecco: non posso dire che non sia un bel libro, ma non è proprio il mio genere, però se a voi Fantozzi fa sganasciare non perdetevelo. Tre palle su quattro.

Lo potete acquistare qui.